News

 

06.02.2019    Comunicato disposizioni di attuazione in merito all'allenamento dei cani da ferma o da cerca sulla specie beccaccia ai sensi dell'art. 16 della L.R. 29/94 nel mese di MARZO 2019.

 

Tutti i soggetti interessati dovranno raccogliere dati utili al monitoraggio della specie, mediante schede di rilevamento, da ritirare all’Ambito Territoriale di Caccia La Spezia.

 

PERIODO: Dal 1° marzo 2019 al 31 marzo 2019.

 

GIORNATE NON CONSENTITE: Il martedì ed il venerdì (silenzio venatorio).

 

ORARIO: Dalle ore 08:00 alle ore 14:00 (fatta salva la possibilità di recupero dei cani).

 

UTILIZZO AUSILIARI: Possono essere utilizzati per conduttore non più di 2 (due) ausiliari da ferma o da cerca.

 

LOCALITÀ: tutte le aree boscate nel territorio dell’ATC SP soggette a gestione programmata della caccia.

POSSONO PARTECIPARE tutti i soggetti in possesso del tesserino venatorio regionale ed iscritti o ammessi all’ATC SP nella stagione venatoria 2018/2019


15.02.2018 Comunicato disposizioni di attuazione in merito all'allenamento dei cani da ferma o da cerca sulla specie beccaccia ai sensi dell'art. 16 della L.R. 29/94. Tutti i soggetti interessati dovranno raccogliere dati utili al monitoraggio della specie, mediante schede di rilevamento, da ritirare all’ATC SP. 

PERIODO: Dal 1° marzo 2018 al 31 marzo 2018.

GIORNATE CONSENTITE: Esclusivamente il mercoledì, giovedì, il sabato e la domenica.

ORARIO: Dalle ore 07:00 alle ore 13:00 (fatta salva la possibilità di recupero dei cani).

UTILIZZO AUSILIARI: Possono essere utilizzati per conduttore non più di 2 (due) ausiliari da ferma o da cerca.

LOCALITÀ: tutte le aree boscate nel territorio dell’ATC SP soggette a gestione programmata della caccia.

POSSONO PARTECIPARE tutti i soggetti in possesso del tesserino venatorio regionale ed iscritti o ammessi all’ATC SP nella stagione venatoria 2017/2018. Le schede compilate dovranno essere RICONSEGNATA all’ATC SP entro e non oltre il 30 aprile 2018, ANCHE SE NON UTILIZZATE.



22.02.2017  Comunicato disposizioni di attuazione in merito all'allenamento dei cani da ferma o da cerca sulla specie beccaccia ai sensi dell'art. 16 della L.R. 29/94.
Tutti i soggetti interessati dovranno raccogliere dati utili al monitoraggio della specie, mediante schede di rilevamento, da ritirare all’ATC SP.

·  PERIODO:Dal 1° marzo 2017 al 31 marzo 2017.

·  GIORNATE CONSENTITE:Esclusivamente il mercoledì, giovedì, il sabato e la domenica.

·  ORARIO:Dalle ore 07:00 alle ore 13:00 (fatta salva la possibilità di recupero dei cani).

·  UTILIZZO AUSILIARI: Possono essere utilizzati per conduttore non più di 2 (due) ausiliari da ferma o da cerca.

·  LOCALITA’: tutte le aree boscate nel territorio dell’ATC SP soggette a gestione programmata della caccia.

·  POSSONO PARTECIPARE tutti i soggetti in possesso del tesserino venatorio regionale ed iscritti o ammessi all’ATC SP nella stagione venatoria 2016/2017.

Le schede compilate dovranno essere RICONSEGNATA all’ATC SP entro e non oltre il 30 aprile 2017 (ANCHE SE NON UTILIZZATE)


04.05.2016 Lettera Soci stagione venatoria 2016/2017. Si comunica che da quest'anno è sufficiente come tesserino di accesso all'ATC SP la ricevuta di pagamento. I versamenti possono essere effettuati su bollettino postale o presso la banca Carige, si raccomanda nei pagamenti bancari di scrivere chiaramente il nome e il cognome di chi versa e la sua data di nascita.

scarica lettera

22.02.2016: In base al Decreto Dirigenziale Regione Liguria Dipartimento agricoltura, turismo, formazione e lavoro, Politiche della montagna e della fauna selvatica n. 554 del 19.02.2016. E' possibile ritirare presso la sede dell'ATC SP l'autorizzazione per l'allenamento cani da ferma o da cerca sulla specie beccaccia nel mese di marzo 2016.

PERIODO: Dal 2 marzo 2016 al 31 marzo 2016, per l’anno 2016 sono disponibili 18 giornate per l’allenamento, tale limite numerico vale anche per i cacciatori iscritti a pi Ambiti Territoriali di Caccia o Comprensori Alpini.

GIORNATE CONSENTITE: Esclusivamente il mercoledì, giovedì,  il sabato e la domenica.
ORARIO: Dalle ore 07:00 alle ore 13:00 (fatta salva la possibilità di recupero dei cani).

UTILIZZO AUSILIARI: Possono essere utilizzati per conduttore non più di 2 (due) ausiliari da ferma o da cerca.

LOCALITA’: nel territorio dei Comuni di Sesta Godano, Zignago, Rocchetta di Vara, Calice al Cornoviglio, Brugnato, Deiva Marina, Carrodano, Framura, Bonassola, Levanto, Borghetto Vara, Pignone, Beverino, Riccò del Golfo, Portovenere, La Spezia, Follo, Vezzano Ligure, Arcola, Lerici e Ameglia, con esclusione di tutte le zone vietate ai sensi della legislazione vigente (es. ZRC, Parchi ecc.).

POSSONO PARTECIPARE
all’attività tutti i soggetti in possesso del tesserino venatorio regionale ed iscritti all’ATC SP nella stagione venatoria 2015/2016.

IMPORTANTE: LE SCHEDE PER IL MONITORAGGIO DELLA BECCACCIA DOVRANNO ESSERE RICONSEGNATE ALLA REGIONE/ATC SP ENTRO IL 31 MAGGIO 2016.


04.12.2015 Si comunica che con Sentenza n. 990 del 03/12/2015 il Tribunale Amministrativo per la Liguria (Sezione seconda) ha accolto il ricorso per motivi aggiunti e, per l'effetto, annulla la DGR 1224 del 03/11/2015 di applicazione del regime di deroga allo storno. Essendo la decisione del TAR immediatamente eseguibile, le attività di prelievo in deroga allo storno vengono interrotte a far data dal 05/12/2015.


06.11.2015  Si comunica che la giunta regione Liguria con delibera n. 1224 del 03/11/2015 ha revocato la DGR 846 del 30/07/2015 ed il relativo decreto dirigenziale n. 2784 del 30/09/2015, oggetto di sospensione provvisoria disposta dal TAR con Decreto del Presidente ff. n. 262/2015, riattivando il regime di deroga al divieto di prelievo della specie Storno.

Sulla base della nuova disciplina, l'attività di deroga allo Storno potrà riprendere, nelle zone indicate nel provvediemnto medesimo, con decorrenza da il 7NOVEMBRE 2015.

A differenza della precedente regolamentazione i capi abbattuti dovranno essere annotati sul tesserino al momento del recupero e non a fine giornata.


29.10.2015  Comunicato URGENTE si comunica che il Presidente ff del TAR Liguria (Sezione Seconda) con decreto n. 262/15, in data 29/10/2015 ha disposto la sospensione cautelare provvisoria del prelievo in deroga dello storno, autorizzata dalla Regione Liguria con DGR n. 846 del 30/07/2015. La trattazione collegiale della domanda cautelare è fissata per il 19 novembre p.v. Essendo la decisione sulla sospensiva immediatamente eseguibile, l'attività di prelievo  IN DEROGA DELLO STORNO E' IMMEDIATAMENTE SOSPESA.


25.02.2015  Si avvisa che il conto corrente presso la Banca Carispe CREDIT AGRICOLE intestato ad Ambito Territoriale Caccia La Spezia è stato definitivamente estinto, per cui non vi è più possibile fare versamenti.

18.02.2015 Allenamento cani su beccaccia. E' possibile ritirare presso la sede dell'ATC SP l'autorizzazione per l'allenamento cani nel mese di marzo 2015

GIORNATE CONSENTITE: Esclusivamente il mercoledì, il sabato e la domenica.

ORARIO: Da un’ora prima del sorgere del sole alle ore 10.00 e dalle ore 15.00 alle ore 18.00

UTILIZZO AUSILIARI DA CACCIA: Possono essere utilizzati, esclusivamente, i cani da ferma e da cerca.

LOCALITA’: nel territorio dei Comuni di  Sesta Godano, Zignago, Rocchetta di Vara, Calice al Cornoviglio, Brugnato, Deiva Marina, Carrodano, Framura, Bonassola, Levanto, Borghetto Vara, Pignone, Beverino, Riccò del Golfo, Portovenere, La Spezia, Follo, Vezzano Ligure, Arcola, Lerici e Ameglia, con esclusione di tutte le zone vietate ai sensi della legislazione vigente (es. ZRC, Parchi ecc.).

POSSONO PARTECIPARE all’attività tutti i Soci dell’ATC SP purché in regola con il tesseramento della stagione venatoria 2014/2015.

LE SCHEDE PER IL MONITORAGGIO DELLA BECCACCIA DEVONO ESSERE RICONSEGNATE ALLA PROVINCIA O ALLA SEDE DELL’A.T.C. “SP” ENTRO IL 30 APRILE 2015 ANCHE SE NON UTILIZZATE 

AI TRASGRESSORI SARANNO APPLICATE LE SANZIONI PREVISTE PER LEGGE


21.01.2015 Comunicato urgente: Il consiglio dei Ministri in data 20/01/2015, ha deliberato l'esercizio del potere sostitutivo previsto dall'articolo 8, comma 4 della legge 5 giugno 2003, n. 131, nei confronti delle Regioni Liguria, Toscana, Umbria, Friuli-Venezia Giulia, Veneto, Marche, disponendo la modifica al calendario venatorio e la CHIUSURA IN TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE DELLA CACCIA PER LE SPECIE TORDO BOTTACCIO, CESENA E BECCACCIA A PARTIRE DAL 20 GENNAIO 2015.

12.11.2014  Si comunica che è in fase di cessazione la linea telefonica fissa dell'ATC SP riguardante il numero 0187/732718. Per cui rimarrà attiva una sola linea telefonica fissa esattamente 0187/735719 che funzionerà da telefono e fax.


10.06.2014 Convocazione Assemblea delle Unità di Gestione del Capriolo assegnazione capi stagione venatoria 2014/2015 del Giorno 18.06.2014 presso la sede dell'ATC SP in via XXIV maggio 48 La Spezia: UdG n° 1 ORE 16.00, UdG n° 2 ORE 17.00, UdG n° 5 ORE 18.00

scarica file


30.05.2014  Convocazione Assemblea delle Unità di Gestione del Capriolo assegnazione aree di appostamento s.v. 2014/2015 Giorno 14.06.2014 presso sala multimediale Provincia della Spezia Via V. Veneto 2 orario: UdG n° 1 ORE 9.00, UdG n° 2 ORE 10.30, UdG n° 5 ORE 12.00

Scarica file


 08.04.2014:  INFORMAZIONE MOLTO IMPORTANTE 

 DALLA STAGIONE VENATORIA 2014/2015 NON OCCORRE PIU’ TIMBRARE LARICEVUTA DI PAGAMENTO PRESSO L’ATC SP, MA LA RICEVUTA INSIEME ALLA

 LETTERA INVIATA A DOMICILIO DEL CACCIATORE DOVRA' ACCOMPAGNARE IL PORTO D’ARMI ED AVRA'VALIDITA’ COME TESSERINO D’ACCESSO ALL’ATC SP.

 

ATTENZIONE: IL TUTTO DOVRA’ ESSERE ESIBITO AGLI ORGANI DI VIGILANZA DURANTE LE OPERAZIONI DI CONTROLLO. 

Per i SOCI RESIDENTI nella Provincia della Spezia la quota di partecipazione è di euro80,00 e deve essere confermata entro il 31.05.2014.

Per i SOCI NON RESIDENTI nella Provincia della Spezia la quota di partecipazione è deuro 100,00 e deve essere confermata entro il 20.07.2014 

Attenzione tutti i Cacciatori NUOVI ISCRITTI E AMMESSI che intendono esercitare l’attivitàvenatoria nell’ATC SP devono compilare domanda di adesione con apposita modulistica daconsegnare o far pervenire alla sede dell’ATC SP in via XXIV maggio n. 48 19124 La Spezia.

Attenzione tutti i Cacciatori GIA’ ISCRITTI E AMMESSI CHE CAMBIANO LA RESIDENZAANGRAFICA devono comunicare la variazione all’ufficio ATC SP.


26.02.2014 Consultare menù corsi se interessati al corso corso unificato per "Rilevatore biometrie degli ungulati specializzato Capriolo", "Cacciatore di selezione al Capriolo" e "Coadiutore al controllo del Capriolo".


5 febbraio 2014 E' possibile ritirare presso l'ATC SP l'autorizzazione per esercitare l'allenamento cani su Beccaccia nel mese di marzo.

PERIODO: Dal 1° marzo 2014 al 31 marzo 2014.

 

GIORNATE CONSENTITE: Esclusivamente il mercoledì, il sabato e la domenica.

 

ORARIO: Da un’ora prima del sorgere del sole alle ore 10.00 e dalle ore 15.00 alle ore 18.00

 

UTILIZZO AUSILIARI DA CACCIA: Possono essere utilizzati, esclusivamente, i cani da ferma e da cerca.

 

LOCALITA’: nel territorio dei Comuni di  Sesta Godano, Zignago, Rocchetta di Vara, Calice al Cornoviglio, Brugnato, Deiva Marina, Carrodano, Framura, Bonassola, Levanto, Borghetto Vara, Pignone, Beverino, Riccò del Golfo, Portovenere, La Spezia, Follo, Vezzano Ligure, Arcola e Lerici, con esclusione di tutte le zone vietate ai sensi della legislazione vigente (es. ZRC, Parchi ecc.).

 

POSSONO PARTECIPARE all’attività tutti i Soci dell’A.T.C. “SP” purché in regola con il tesseramento della stagione venatoria 2013/2014.

LE SCHEDE PER IL MONITORAGGIO DELLA BECCACCIA DEVONO ESSERE RICONSEGNATE ALLA PROVINCIA O ALLA SEDE DELL’A.T.C. “SP” ENTRO IL 30 APRILE 2014 ANCHE SE NON UTILIZZATE

NOTA BENE: AI TRASGRESSORI SARANNO APPLICATE LE SANZIONI PREVISTE PER LEGGE


20 gennaio 2014. Online il nuovo sito dell'Ambito territoriale Caccia della Spezia.


19 gennaio 2014. NOTIZIE UTILI PER UNA BELLA GIORNATA DI CACCIA NELL'A.T.C. “SP”

Per trascorrere una giornata di caccia serena basta osservare poche regole basilari che sono poste a protezione della fauna selvatica, della sicurezza personale e delle cose mobili ed immobili.

In materia venatoria, la Provincia della Spezia, e di conseguenza l'A.T.C. “SP”, è caratterizzata dalla presenza di un Parco Nazionale, due Parchi Regionali, Zone di Ripopolamento e Cattura, Oasi di protezione, Aree Contigue ai Parchi Regionali, Fondi Chiusi ed altre strutture militari dove la caccia è vietata o disciplinata da leggi speciali.

Il cacciatore che intende esercitare l'attività venatoria nell'A.T.C. “SP” deve sapere che:

  1. è vietato cacciare nei giardini, nei parchi pubblici e privati, nei parchi nazionali e regionali, nelle riserve naturali, nei terreni adibiti ad attività sportive, nelle oasi e nelle zone di ripopolamento e cattura;

*(la violazione comporta la sanzione penale dell’arresto fino a sei mesi, l’ammenda da Euro 464 a Euro 1.549, la sospensione della licenza di porto di fucile per uso di caccia, il sequestro delle armi e della selvaggina );

  1. è vietato cacciare senza autorizzazione all’interno dell' A.T.C. “SP” destinato alla caccia programmata e nelle Aziende faunistico/venatorie.

*(la violazione al divieto comporta una sanzione amministrativa da Euro 154  a Euro 929);

  1. è vietato cacciare nei fondi chiusi, nelle aie e nelle corti o altre pertinenze di fabbricati rurali, su terreni coperti in tutto o nella maggior parte di neve

*(la violazione al divieto comporta una sanzione amministrativa da Euro 103 a Euro 619);

  1. è vietato cacciare a meno di 100 metri da immobili, fabbricati e stabili adibiti ad abitazione o a posto di lavoro, da macchine operatrice agricole in funzione;

*(la violazione al divieto comporta una sanzione amministrativa da Euro 103 a 619);

  1. è vietato cacciare a meno di 50 metri da vie di comunicazione ferroviaria e da strade carrozzabili, eccettuate le strade poderali ed interpoderali. Per strade poderali o interpoderali si intendono quelle strade che terminano in un podere e quindi non hanno sbocco alcuno in altre strade di viabilità;

*(la violazione al divieto comporta una sanzione amministrativa da Euro 103 a 619);

  1. con fucile ad anima liscia è vietato sparare da una distanza inferiore a 150 metri in direzione di immobili, fabbricati e stabili adibiti ad abitazione o a posto di lavoro, vie di comunicazione ferroviaria, strade carrozzabili e verso aree destinate al ricovero ed alimentazione del bestiame;

*(la violazione al divieto comporta una sanzione amministrativa da Euro103 a 619);

  1. con carabina o altre armi è vietato sparare da una distanza corrispondente a meno di una volta e mezza la gittata massimain direzione di immobili, fabbricati e stabili adibiti ad abitazione o a posto di lavoro, vie di comunicazione ferroviaria, strade carrozzabili e verso aree destinate al ricovero ed alimentazione del bestiame;

*(la violazione al divieto comporta una sanzione amministrativa da Euro103 a 619);

  1. è vietato cacciare sparando da veicoli a motore o da natanti;

*(la violazione al divieto comporta una sanzione penale o l’ammenda fino a Euro 2.065, la sospensione della licenza di porto di fucile per uso di caccia, il sequestro delle armi o dei mezzi di caccia  e della selvaggina );

  1. è vietato usare munizione spezzata nella caccia agli ungulati;

*(la violazione al divieto comporta l'applicazione dell’ammenda fino a Euro 1.549);

  1. è vietato usare richiami acustici a funzionamento meccanico, elettromagnetico o elettromeccanico, con o senza amplificazione del suono;

*(la violazione al divieto comporta l'applicazione dell’ammenda fino a Euro 1.549);

  1. è vietato portare all’interno dei centri abitati e a bordo di veicoli armi da sparo per uso venatorio che non siano scariche ed in custodia;

*(la violazione al divieto comporta una sanzione amministrativa da Euro 103 a 619);

Il cacciatore durante l’attività venatoria deve sempre esibire i documenti richiesti dai seguenti organi di controllo:

  1. agenti dipendenti dalle Province;
  2. guardie volontarie;
  3. ufficiali, sottufficiali e guardie del Corpo forestale dello Stato;
  4. guardie addette ai parchi nazionali e regionali;
  5. ufficiali e agenti di polizia giudiziaria;
  6. guardie giurate comunali, forestale e campestri;
  7. guardie private riconosciute dalle legge di pubblica sicurezza;
  8. guardie ecologiche e zoofile riconosciute dalle leggi regionali.

I documenti da esibire, normalmente, sono:
    - il porto di fucile;
    - l’attestazione di avvenuto pagamento della concessione governativa nazionale;
    - l’attestazione di avvenuto pagamento della concessione regionale;
    - la polizza assicurativa per la responsabilità civile verso terzi;
   - il tesserino rilasciato dalla regione;
*(dove il cacciatore deve annotarvi in modo indelebile il giorno di caccia prescelto nella propria o in altre regioni all'atto dell'inizio dell'esercizio venatorio ed i capi abbattuti se non vuole incorrere nella sanzione amministrativa da Euro 77 ad Euro 464).
    - il tesserino rilasciato A.T.C. “SP”.
   
Il cacciatore deve prendere conoscenza del calendario venatorio regionale, che stabilisce i periodi di caccia, le modalità, le specie cacciabili, orari, ecc., e delle integrazioni apportate annualmente dall’Ambito Territoriale caccia La Spezia.
Detti calendari sono reperibili presso la sede dell’A.T.C. “SP” in via XXIV maggio 48 a La Spezia e sui relativi siti web;

Il cacciatore che non intenda esercitare la caccia, per uno o più anni, successivi a quello del rilascio del porto di fucile, è esonerato dal pagamento delle tasse governative e regionali, di contro, nel momento in cui intende portare l'arma fuori dall'abitazione deve necessariamente corrispondere la tassa di concessione governativa nazionale.
Per esempio: il cacciatore è in possesso della licenza di caccia rilasciata il 10.08.2010, nell’anno 2011 non effettua il pagamento della tassa in quanto non intende fare uso della licenza; il 1° gennaio del 2012 effettua il pagamento della tassa, la validità del versamento cessa il 10 agosto dello stesso anno 2012 e non il 1° gennaio del 2013.

IMPORTANTE FATE ATTENZIONE: la concessione governativa nazionale è legata alla data di rilascio del porto di fucile, ciò sta a significare che il titolare del permesso di caccia, per aver una validità annuale della concessione deve effettuare il pagamento nel giorno e mese del rilascio del porto d'armi come ad esempio: se il porto d'armi è stato rilasciato il 15 settembre il pagamento deve essere effettuato a partire dal 15 settembre in poi, poiché se il versamento viene effettuato il 12 settembre la sua validità ha termine il 14 settembre dello stesso anno e cioè due giorni dopo.
*(Il mancato pagamento della concessione governativa  comporta una sanzione amministrativa da Euro 154 ad Euro 929).

La licenza di porto di fucile per uso di caccia ha la durata di sei (6) anni e può essere rinnovata su domanda dell’interessato.

MEZZI DI CACCIA E MUNIZIONI

La legge stabilisce i mezzi di caccia consentiti alla uccisione o cattura della fauna selvatica.

Quelli consenti sono pochi e ben individuati. Essi sono:
- il fucile (doppietta, sovrapposto, semiautomatico, combinati, ecc.) con canne ad anima liscia che permette di sparare non più di tre colpi consecutivi;
- falchi  da falconiera;
- arco;
ovviamente anche per cacciare con l’arco o il falco occorre essere in possesso della licenza di caccia.

Tutti gli altri mezzi non espressamente indicati dalla legge (art. 13, legge 157/92) sono vietati come ad esempio: i lacci, le tagliole, le trappole, le reti, gli archetti o congegni similari, i bocconi avvelenati, persino un bastone o una falce se utilizzati con l’intento di uccidere la selvaggina. Sono altresì vietate tutte le armi ad aria compressa o ad altri gas compressi e armi da sparo munite di silenziatore

Durante l’attività venatoria si possono portare ed usare più fucili anche di calibro diverso. Infatti, la legge nulla dispone in merito e pertanto quanto non espressamente proibito è consentito.

Si possono portare durante l’attività venatoria utensili da punta  e da taglio. Questi possono essere utilizzati elusivamente per aprirsi varchi nella macchia, scuoiare animali, ecc. Essi non possono essere assolutamente utilizzati direttamente per abbattere la selvaggina.
*(l’uso di mezzi non consentiti comporta la sanzione penale  e l’ammenda fino a Euro 1.549, la sospensione della licenza di porto di fucile per uso di caccia, il sequestro delle armi e della selvaggina );

In materia di detenzione di armi c'è da ricordare che per le armi da caccia non vi è un limite, mentre si possono detenere soltanto 6 armi sportive e 3 armi comuni da sparo  come pistole, ecc.

In materia di munizioni, il cacciatore in possesso di regolare porto d'armi e fucile ad anima liscia può detenere fino a 1.000 cartucce a pallini senza fare denuncia, mentre per la detenzione e il trasporto di cartucce caricate a palla, qualunque sia il loro numero, occorre la denuncia.
Dal 1° luglio 2011, il dipartimento di Pubblica sicurezza del ministero dell’Interno con la circolare 557/Pa/10900(27)9 del 24.06.2011 ha chiarito che la denuncia delle armi e munizioni e/o materie esplodenti va effettuata entro le 72 ore successive all’acquisto.  La stessa circolare, sulla custodia delle armi non ha dato prescrizioni, ma ha precisato che esse devono essere assicurate con la maggior diligenza possibile, tenendo anche conto del numero e della loro necessaria tracciabilità.

AUSPICHIAMO CHE QUESTE NOTIZIE VI SIANO GRADITE E UTILI.
                                       

S.e.&.o.

N.B.
*le sanzioni sopra indicate possono essere aggiornate anno per anno.


 

 

 

 

 

 

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information